* Per le prime pappe è preferibile l’utilizzo di carne liofilizzata
** Se il latte materno manca o non è sufficiente, è possibile utilizzare una formula per l’infanzia su indicazione del Pediatra.
*** Il divezzamento deve iniziare unicamente su indicazione del Pediatra, non prima del 4° mese.Il Pediatra potrà consigliare per la porzione di omogeneizzato anche una quantità inferiore a quella indicata.

PIRAMIDE ALIMENTARE PER LA PRIMA INFANZIA - fase1

Tuo figlio non è un piccolo adulto e le scelte alimentari, che tu Mamma fai per lui, durante il primo anno di vita sono fondamentali per impostare le abitudini alimentari e per evitare eccessi e/o difetti nelle quantità di cibo consumato giornalmente. Le indicazioni fornite dalle piramidi alimentari delle due fasi di divezzamento sono da considerarsi indicative in quanto non tutti i bimbi sono uguali e crescono allo stesso modo. È compito del Pediatra segnalare ai genitori gli interventi alimentari più idonei per il singolo bambino, indicando come meglio seguire gli sviluppi di peso e di altezza secondo quanto previsto dalle curve di accrescimento dell’ OMS.
È infatti importante comprendere con l’aiuto del Pediatra quali sono gli interventi alimentari più opportuni per accompagnare il bambino, nei giusti tempi e con i giusti alimenti, verso l’alimentazione degli adulti.

PORZIONI

• 1/2 omogeneizzato di carne 40 g
• 1/2 omogeneizzato di pesce 40 g
• 1/2 omogeneizzato di frutta 50 g
• 1/2 omogeneizzato di verdure 40 g
• Pastina 20 g • Creme di cereali 20 g • Riso 20 g
• Olio d’oliva 5-6 g = un cucchiaio piccolo

A titolo di esempio

Il pasto non latteo potrà essere preparato utilizzando una base di cereali (creme di cereali o pastina), ortaggi e fonti proteiche in modo tale da alternare la carne con il pesce.

 

Copyright © 2005 Istituto di Scienza dell'Alimentazione, Università "la Sapienza" di Roma.
Tutti i diritti sui contenuti del sito (struttura, grafica, testi) sono riservati.
Realizzato da: NEAMEDIA SNC